Prevenzione, vigilanza e controlli ambientali sull’intero territorio nazionale

Firmato a Roma, un Protocollo d’Intesa fra l’Arma dei Carabinieri e l’Ispra, per favorire la collaborazione, nell’ambito delle rispettive competenze, verso una strategia condivisa per mettere in atto le azioni necessarie all’ottimizzazione delle attività di tutela ambientale.

Vigilanza, controlli, ricerca e monitoraggio, prevenzione ed ispezione, aggiornamento professionale, informazione, comunicazione e scambio dei dati su tutte le matrici ambientali, dal ciclo dei rifiuti alla conservazione della biodiversità, dalle aree marine protette ai siti contaminati, dalle aree agricole e forestali alla cartografia del territorio, attraverso l’utilizzo dei dati satellitari.

Questi i contenuti del Protocollo d’Intesa firmato a Roma, presso il Comando Generale dell’Arma dei carabinieri, dal Comandante Generale Tullio Del Sette e dal Presidente dell’ISPRA Stefano Laporta.

L’accordo favorirà la collaborazione tra le due Istituzioni, nell’ambito delle rispettive competenze, verso una strategia condivisa per mettere in atto le azioni necessarie all’ottimizzazione delle attività di tutela ambientale.

Nell’accordo, tra le altre azioni in sinergia, sono previsti: controlli per la prevenzione degli illeciti ambientali; sviluppo di attività per fronteggiare eventi di crisi ed emergenze ambientali e per la valutazione del danno; controlli del commercio di specie ittiche illegali e di attività legate alla contraffazione sempre in ambito ittico; sviluppo di programmi di monitoraggio ambientale per contrastare i fenomeni legati ai cambiamenti climatici; attività di informazione ambientale presso le scuole.

“Il protocollo è il punto d’inizio di una rinnovata collaborazione. Siamo convinti – ha sottolineato il Comandante Generale Tullio Del Sette – che da una cooperazione tra l’Arma dei Carabinieri, la più grande polizia ambientale d’Europa, e l’ISPRA, nasceranno sinergie utili ai cittadini e all’ambiente italiano, per la sua conservazione, la tutela e il recupero laddove necessario, e per la diffusione di una sempre maggiore cultura della legalità ambientale”.

“E’ un momento importante non solo per le due Istituzioni che oggi hanno firmato questo protocollo con cui si sancisce una collaborazione che già era in atto per alcune attività” – ha dichiarato Stefano Laporta, Presidente dell’ISPRA, “ma anche per tutti i cittadini, che da oggi possono contare su uno strumento in più di controllo sia per gli illeciti ambientali che per tutte quelle emergenze che negli ultimi anni abbiamo visto accadere sempre più violente e frequenti nel nostro Paese. In particolare l’ISPRA, anche attraverso il coordinamento del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA), metterà a disposizione tutti gli strumenti, le conoscenze e le risorse di cui dispone a livello nazionale per il raggiungimento di livelli di tutela ambientale di cui il Paese ha bisogno”.

“Questo è un Protocollo estremamente operativo” ha sottolineato il Direttore generale dell’ISPRA Alessandro Bratti, “che sancisce una collaborazione in parte già attiva in alcuni territori. Si tradurranno in azioni più concrete tutte quelle conoscenze e competenze che le due Istituzioni hanno maturato nel tempo in campo ambientale”.

2 commenti su “Prevenzione, vigilanza e controlli ambientali sull’intero territorio nazionale”

  1. A mio parere questo protocollo di intesa è uno dei punti essenziali atti a tutelare il nostro territorio; il controllo è estremamente indispensabile anche solo ad eliminare o scoraggiare eventuali delitti ambientali.
    Pienamente concorde auguro buon lavoro a tutte le unità operative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.