Emilia-Romagna, online il “Rapporto idrometeoclima 2017”

Un anno di siccità prolungata, con il minor numero di giorni piovosi dal 1961, e molto più caldo della norma: queste le principali evidenze emerse dall’analisi degli eventi rilevanti e delle anomalie idrometeo del 2017 in Emilia-Romagna. Il rapporto è realizzato dall’Osservatorio clima regionale di Arpae Emilia-Romagna. Continua >

 

Dove va la meteorologia italiana

Con l’istituzione dell’agenzia ItaliaMeteo, prevista dalla legge di bilancio 2017, l’Italia per la prima volta avrà un coordinamento nazionale per la meteorologia civile, che cambierà il panorama delle previsioni e dei tanti servizi a esse legati. Il servizio in Ecoscienza 1/2018 offre un primo contributo di riflessione sulla situazione attuale e le prospettive.

Continua a leggere Dove va la meteorologia italiana

Finalmente un sistema nazionale per meteo e clima

Dei tredici esperti componenti del Comitato di indirizzo previsti nel decreto successivo alla legge di istituzione dell’agenzia ItaliaMeteo, tra i rappresentanti regionali designati, quattro sono in forza nelle Arpa, ai quali si aggiungono due rappresentanti dell’Ispra. Si tratta di un importante riconoscimento del ruolo del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa) nel quadro che va delineando il primo servizio meteorologico e climatologico nazionale civile. L’editoriale in Ecoscienza 1/2018.

Continua a leggere Finalmente un sistema nazionale per meteo e clima

La collaborazione europea per previsioni più precise, intervista a Florence Rabier

Quali saranno i nuovi scenari possibili per la scienza meteorologica europea, anche alla luce del trasferimento del data centre europeo a Bologna? Quali saranno le relazioni con la nascente agenzia ItaliaMeteo? Florence Rabier, direttrice generale del centro europeo Ecmwf, risponde su Ecoscienza 1/2018 nel servizio dedicato alle prospettive della meteorologia italiana. Continua >

 

Una meteorologia operativa all’altezza delle sfide

La nascita dell’agenzia ItaliaMeteo costituisce la grande occasione di mettere 
a sistema ambiti finora distinti all’interno di un unico contesto organizzativo autorevole e innovativo. Sarà centrale la funzione di coordinamento dei servizi regionali, che continueranno a concorrere al sistema. L’articolo in Ecoscienza 1/2018.

Continua a leggere Una meteorologia operativa all’altezza delle sfide

Dove va la meteorologia italiana, online Ecoscienza 1/2018

Da ItaliaMeteo al Centro meteo europeo, il futuro dei servizi meteo e clima in Italia, amianto eterno problema, tossicologia e dose soglia, educazione alla sostenibilità e comunicazione, riscaldamento a biomasse e certificazione sono gli argomenti trattati nel nuovo numero della rivista di Arpae. Continua >

 

Sardegna, il periodo ottobre 2016-settembre 2017 è stato il più caldo

Pubblicata da Arpa Sardegna l’analisi agrometeorologica e climatologica regionale del periodo ottobre 2016-settembre 2017. Il periodo è stato il più caldo, rispetto alle serie storiche disponibili: le temperature massime dell’annata risultano di circa +2.3°C superiori alla media 1971-2000. Continua >

Agenzia ItaliaMeteo, nuova nomina Snpa nel Comitato di indirizzo

Alla designazione di quattro esperti regionali provenienti dalle Arpa, si aggiunge la nomina di Alessandro Bratti, Dg Ispra, e di Franco Desiato (Ispra) tra i membri del Comitato nazionale d’indirizzo per la meteorologia e la climatologia.

 

L’aver puntato, da parte dell’Italia, su un progetto significativo come quello della costituzione di Italia Meteo, un centro nazionale sulla meteorologia – ha sottolineato Bratti – è il segnale inequivocabile che occorre operare in sinergia tra Istituzioni di ricerca e di servizio pubblico per raccogliere la sfida del futuro“.

La nomina del direttore generale dell’Ispra Alessandro Bratti e di Franco Desiato, esperto di climatologia dell’Istituto e coordinatore del Tavolo nazionale per i Servizi di climatologia operativa, segue quella di sei rappresentanti regionali all’interno del Comitato. Quattro degli esperti designati provengono dalle Arpa regionali.

Per altre info, vedi il sito dell’Ispra

 

 

EVENTI – Giornata mondiale della meteorologia il 23 marzo

Quest’anno il tema della Giornata mondiale sarà “Weather-ready, climate-smart” per evidenziare come la meteorologia è essenziale per affrontare il cambiamento del clima globale. L’evento nazionale di punta si svolge a Roma.

Continua a leggere EVENTI – Giornata mondiale della meteorologia il 23 marzo

Comitato nazionale d´indirizzo per meteorologia e climatologia, designati i rappresentati regionali

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha designato i sei rappresentanti regionali per la costituzione del Comitato di indirizzo per la meteorologia e la climatologia. Quattro, due donne e due uomini, sono in forze nel Sistema nazionale di protezione dell’ambiente. Soddisfazione espressa dai vertici del Snpa.

Continua a leggere Comitato nazionale d´indirizzo per meteorologia e climatologia, designati i rappresentati regionali

Sarà a Bologna l’Agenzia nazionale per la meteorologia e climatologia

La realizzazione a Bologna di un’unica Agenzia nazionale per la meteorologia e climatologia è inserita nel disegno di legge di Bilancio 2018 che ora inizia l’iter di approvazione in Parlamento. La nuova Agenzia si chiamerà ItaliaMeteo e sorgerà al Tecnopolo, nella stessa sede del Data center europeo.

Continua a leggere Sarà a Bologna l’Agenzia nazionale per la meteorologia e climatologia

ECOSCIENZA – Aria e salute, online il nuovo numero della rivista

È online il nuovo numero di Ecoscienza; focus su qualità dell’aria, formazione degli inquinanti ed effetti sulla salute, pianificazione per il miglioramento della qualità dell’aria. Tra gli altri argomenti: cambiamento del clima, uso sostenibile delle risorse idriche e innovazione in agricoltura. Leggi il resto >

Clima e cambiamenti climatici nelle aree montane del Friuli Venezia Giulia

La straordinaria ricchezza e diversità di tratti – ambientali, paesaggistici, culturali, linguistici – propria del Friuli Venezia Giulia, terra di incontro tra regioni naturali e geografiche diverse, si rispecchia anche nel clima. Questo territorio, incastonato fra il sistema alpino (con le Alpi Carniche e Giulie) e il mare Adriatico, presenta condizioni climatiche che sfumano una nell’altra, dando luogo a una varietà sorprendente di situazioni locali: si trovano, in un breve raggio, condizioni tipicamente mediterranee, continentali, di transizione e alpine. A queste ultime è dedicato l’approfondimento.

Precipitazioni intense sull’Appennino emiliano-romagnolo: l’analisi del passato per capire il futuro

Il progredire del cambiamento climatico impone approfondimenti sempre più accurati, anche a scala locale, per comprendere il quadro climatico attuale e quello futuro. Un trend di aumento delle intensità delle precipitazioni è già riscontrabile nell’analisi dei dati europei e mondiali. In Emilia-Romagna sono in corso alcuni studi, a partire dall’analisi degli eventi di eccezionale intensità che hanno interessato l’Appennino emiliano-romagnolo negli ultimi anni.

Continua a leggere Precipitazioni intense sull’Appennino emiliano-romagnolo: l’analisi del passato per capire il futuro

METEO E CLIMA – Tempo meteo e clima non sono sinonimi

Perché se arriva un’ondata di freddo al sud, magari anche anomalo, molti strillano sull’eccezionalità, mentre altri dicono il contrario? Come stanno le cose? Comprendere la differenza tra clima e tempo meteorologico, o ancora meglio fra variabilità meteorologica e climatica, sembra essere molto complicato. Ci aiuta a capire meglio tutto questo, con l’aiuto di un mazzo di carte, Carlo Cacciamani, direttore del Servizio IdroMeteoClima Arpae Emilia-Romagna.

Continua a leggere METEO E CLIMA – Tempo meteo e clima non sono sinonimi