Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

banner-EHP

Ispra e Assoarpa saranno presenti con un proprio stand alla  conferenza della International Society for Environmental  Epidemiology (ISEE), la società scientifica che raccoglie i ricercatori di tutti i paesi del mondo sui temi ambiente e salute, che per la prima volta verrà ospitata in Italia, a Roma, nei giorni 1-4 settembre, presso l’Auditoriun Parco della musica, www.isee2016roma.org  Leggi il resto > Continua a leggere Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

A Roma il convegno ISEE 2016 per discutere di ambiente e salute

Si terrà a Roma presso l’Auditoriun Parco della musica, dal 1 al 4 settembre, il convegno ISEE 2016 “Old and New Risks: Challenges for Environmental Epidemiology”.
E’ la conferenza della International Society for Environmental  Epidemiology (ISEE), la società scientifica che raccoglie i ricercatori dei vari paesi sui temi ambiente e salute.
Si tratta di un evento particolarmente rilevante per la partecipazione di più di mille scienziati di tutto il mondo impegnati nella ricerca degli effetti sanitari della contaminazione  dell’aria, dell’acqua e del suolo. Il convegno prevede 17 simposi e 47 sessioni parallele per un totale di più di 300 interventi  orali e 1000 poster.
Si tratta di una panoramica mondiale delle nuove ricerche su inquinamento atmosferico, cambiamenti climatici, patologia ambientale del feto e del bambino, radiazioni, rifiuti, sostanze chimiche ecc. Un aggiornamento indispensabile per chi si occupa di ambiente e salute. Il convegno si concluderà il 4 settembre con 10 iniziative didattiche (Post-Conference Courses) su temi diversi. Link all’evento >

Gravidanza e inquinamento: uno studio sulla Regione Marche

arpa-emr

Uno studio del Servizio di Epidemiologia Ambientale di ARPA Marche si è proposto di descrivere la distribuzione e l’andamento temporale dell’evento sanitario ‘aborto spontaneo’ nei comuni della regione Marche e, più nello specifico, di effettuare valutazioni analitiche sul rapporto della sua incidenza con la qualità stimata dell’aria outdoor attraverso la concentrazione del particolato sottile (PM2,5). Leggi il resto >