Il rapporto Ispra sul dissesto idrogeologico in Italia

Presentato alla Camera dei deputati il Rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia, edizione 2018. Il rapporto fornisce il quadro di riferimento aggiornato sulla pericolosità per frane e alluvioni sull’intero territorio nazionale e presenta gli indicatori di rischio relativi a popolazione, famiglie, edifici, imprese e beni culturali.

Continua a leggere Il rapporto Ispra sul dissesto idrogeologico in Italia

Ventennale dell’alluvione di Sarno, cosa è cambiato?

A Salerno il Consiglio nazionale dei geologi ha organizzato un evento per commemorare la tragedia che ha cambiato la storia della protezione civile in Italia. Presenti anche rappresentanti del Snpa. Continua a leggere Ventennale dell’alluvione di Sarno, cosa è cambiato?

Indicatori – Consumo di suolo, aree protette e fenomeni franosi

Suolo consumato a livello nazionale. Anno 2016Il consumo di suolo in Italia continua a crescere, pur segnando un importante rallentamento negli ultimi anni: tra il 2015 e il 2016 le nuove coperture artificiali hanno riguardato circa 5.000 ettari di territorio, ovvero in media poco meno di 30 ettari al giorno: circa 3 m2 di Suolo consumato a livello nazionale. 

Continua a leggere Indicatori – Consumo di suolo, aree protette e fenomeni franosi

RAPPORTO SNPA 2018 – Pericolosità ambientale di origine naturale e antropica

a) Principali eventi di frana nel periodo gennaio – dicembre 2016; b) Numero di eventi di frana principali nel periodo 2010-2016 su base provincialeIl territorio italiano è particolarmente soggetto a pericolosità di natura geologica per le sue caratteristiche geologico-strutturali e geomorfologiche. Inoltre, anche le attività antropiche che vengono svolte sul territorio partecipano
alla definizione del quadro della pericolosità. La situazione degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante.

Continua a leggere RAPPORTO SNPA 2018 – Pericolosità ambientale di origine naturale e antropica

Annuario 2016 – Pericolosità naturale, in Italia il 66% delle frane censite in Europa

perciolosita

A differenza del 2016, anno caratterizzato da violente scosse nel centro Italia, nel 2015 non si sono verificati eventi in grado di produrre danni. Lo scorso anno sono stati 1.963 i terremoti, di cui solo due di magnitudo pari a 4,7 e 4,5, con epicentri molto profondi (oltre 200 km). Delle quasi 900.000 frane censite in Europa, oltre 600.000 interessano proprio il territorio italiano.

Continua a leggere Annuario 2016 – Pericolosità naturale, in Italia il 66% delle frane censite in Europa

La stazione di monitoraggio multiparametrico del monte Rocciamelone

stazione di monitoraggio Monte Rocciamelone

È stata completata l’installazione della stazione di onitoraggio multiparametrico lungo la cresta sud del monte Rocciamelone a circa 3150 m di quota. La stazione rappresenta per Arpa Piemonte un’importante sfida, sia dal punto di vista tecnico-scientifico, sia per gli obiettivi che si prefigge di raggiungere: sviluppare un modello predittivo dell’evoluzione del versante in relazione alla dinamica del cambiamento climatico in atto e futuro per analizzare le relazioni tra atmosfera e litosfera e per fornire uno strumento operativo utile alla gestione dei rischi naturali. Leggi il resto

Rischio idrogeologico: la rete di rilevamento della frana di Lago (CS)

pianolago4

Presto la rete rilevamento della frana di Lago (CS), installata dal Servizio Geologico Nazionale. sarà trasferita all’Arpa Calabria in base a quanto disposto da una convenzione già siglata con ISPRA ed Autorità di Bacino Regionale della Calabria. Vai alla notizia >

Oltre 600 mila frane in Italia. La banca dati IFFI dell’Ispra

image02

Saranno pubblicati tra circa un mese sull’Annuario dei dati ambientali dell’Ispra i dati 2016 relativi ai fenomeni franosi in Italia. Fino al 2015 si sono verificate complessivamente oltre 600 mila frane sul territorio nazionale. Lo scorso anno sono stati oltre 300 gli eventi franosi principali che hanno causato vittime, feriti, evacuati e danni a edifici, beni culturali e infrastrutture lineari di comunicazione primarie.

Continua a leggere Oltre 600 mila frane in Italia. La banca dati IFFI dell’Ispra

“Io non rischio”: la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

io-non-rischio

La sesta edizione della campagna di comunicazione sui rischi naturali ha toccato 700 piazze italiane lo scorso 15 e 16 ottobre. Ricercatori ed esperti dei principali enti che si occupano di geologia in Italia, tra cui l’Ispra, hanno offerto spiegazioni e informazioni ai cittadini negli stand allestiti dalla Protezione civile.

Continua a leggere “Io non rischio”: la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

Interferometria da satellite per lo studio delle aree di frana

frane

In previsione di un prossimo potenziamento della propria rete di monitoraggio geologico, in ragione dell’evoluzione morfologica dei versanti montani lombardi, Arpa Lombardia ha di recente concluso un progetto sperimentale per verificare e validare i dati provenienti da reti gestite da enti differenti e/o con tecniche non omogenee.

Continua a leggere Interferometria da satellite per lo studio delle aree di frana

I rischi naturali in Piemonte

geo3d_originale

Analizzando i dati storici del periodo 1850-2000, il Piemonte è statisticamente colpito in settori diversi da eventi alluvionali con ricorrenze medie di un evento ogni 18 mesi circa. Sul territorio ci sono circa 36.000 frane censite nel Sistema informativo FRAne in Piemonte (SIFraP). La banca dati Processi ed effetti contiene invece informazioni relative a dissesti fluviali, fluvio-torrentizi e di  versante recenti e storici. Leggi il resto

Frane e alluvioni: oltre 7 milioni gli abitanti a rischio in Italia

dissesto-idrogeologico-rapporto-283x400

Ci avviciniamo a una stagione dell’anno nella quale il  rischio idrogeologico tornerà, purtroppo, a fare parlare di sé. Conoscere il territorio è azione fondamentale per la prevenzione e l’Ispra da anni elabora e pubblica le mappe nazionali della pericolosità per alluvioni e frane. I dati parlano di oltre 7 milioni di italiani residenti in aree a rischio frane e alluvioni (12% del totale).

Continua a leggere Frane e alluvioni: oltre 7 milioni gli abitanti a rischio in Italia

Cambiamenti climatici, fenomeni meteo intensi in aumento anche in Emilia-Romagna

er_alluvione_300x

Negli ultimi due decenni è aumentata la frequenza degli eventi meteorologici rapidi e intensi e anche la loro intensità. Piogge più intense hanno causato dissesti, frane, alluvioni. E danni enormi. E purtroppo spesso anche morti.
Si tratta di effetti del cambiamento climatico che colpiscono anche L’Emilia-Romagna. Il rischio può essere mitigato con opere strutturali e con processi di allertamento sempre più rapido.

Continua a leggere Cambiamenti climatici, fenomeni meteo intensi in aumento anche in Emilia-Romagna

Aree di disseto del territorio lombardo. Le attività del centro geologico di Arpa Lombardia

arpa-lombardia

Sul sito dell’Agenzia sono pubblicate le informazioni sullo stato delle 27 aree di frana controllate dai tecnici del CMG di Sondrio tramite una rete di monitoraggio con standard di qualità e di innovazione tecnologico-scientifica di altissimo livello.

Continua a leggere Aree di disseto del territorio lombardo. Le attività del centro geologico di Arpa Lombardia

Un radar di Arpa Lombardia controlla in tempo reale la parete rocciosa di Gallivaggio a San Giacomo Filippo (SO)

arpa-lom

Avviata ieri la nuova fase del monitoraggio che dal 2011 tiene sotto stretta osservazione le fratture e i movimenti della roccia. Precisione ed accuratezza della strumentazione installata dal Centro di Monitoraggio Geologico permettono di analizzare con buona affidabilità movimenti millimetrici.

Leggi il resto >