Incendio di Marcianise, i risultati delle indagini ambientali

Il 26 ottobre un incendio ha colpito un impianto di gestione rifiuti a Marcianise (Caserta). Arpa Campania ha monitorato gli effetti ambientali dell’evento: il 6 novembre diffuso un comunicato riassuntivo.

Lo scorso 6 novembre Arpa Campania ha diffuso un riepilogo dei risultati delle indagini ambientali  condotte a seguito dell’incendio che lo scorso 26 ottobre ha colpito l’impianto di gestione rifiuti Lea srl, situato nella zona industriale di Marcianise (Caserta). In particolare, il lavoro dell’Agenzia si è finora concentrato sul monitoraggio di diossine e furani nell’aria, nei pressi del sito oggetto dell’incendio e nel territorio del comune di Marcianise.

Il monitoraggio effettuato nelle prime due ore dell’evento e nei due giorni successivi all’incendio dimostra un consistente superamento del valore di riferimento di 0,15 picogrammi/Nm3 [I TEQ] per l’aria ambiente indicato dalle linee guida della Germania (LAI –Laenderauschuss fuer Immissionsshutz, Comitato degli Stati per la protezione ambientale), uno dei pochi riferimenti presenti in letteratura tecnica, in assenza di valori limite o soglie stabiliti dalla normativa. Il superamento si è ridotto considerevolmente nel monitoraggio effettuato tra il 29 e il 30 ottobre, per poi rientrare ben al di sotto del valore di riferimento nel monitoraggio tra il 30 e il 31 ottobre. Nella tabella a seguire sono riportati i risultati del monitoraggio delle diossine/furani condotto dall’Agenzia.

Le indagini condotte da Arpac non si sono limitate tuttavia al monitoraggio delle diossine. Il giorno stesso dell’incendio, i tecnici del dipartimento di Caserta hanno posizionato analizzatori multi gas a dieci metri dal luogo dell’incendio, per monitorare alcuni parametri, riportati nella tabella a seguire. Nella tabella, all’ultima colonna, sono anche riportati, a titolo meramente indicativo, i corrispondenti valori TLV – TWA, non strettamente applicabili al caso in esame.

Parametri misurati con analizzatori multi gas
Sito di misura Parametro Data e ora Risultato TLV – TWA
Area perimetrale stabilimento LEA, sottovento Acido Cloridrico 26/10/18, ore 12-13 10,65 mg/mc 7,5 mg/mc
Area perimetrale stabilimento LEA, sottovento Biossido di zolfo 26/10/18, ore 12-13 3,5 mg/mc 5,0 mg/mc
Area perimetrale stabilimento LEA, sottovento Biossido di azoto 26/10/18, ore 12-13 10,5 mg/mc 5,6 mg/mc

Gli stessi parametri, misurati, nella direzione del vento, a una distanza di circa 200 metri dal sito oggetto dell’incendio, sono risultati inferiori al limite di rilevabilità degli strumenti utilizzati.

Lo stesso 26 ottobre, Arpac ha inoltre condotto campionamenti di aria ambiente presso l’ingresso dello stabilimento colpito dall’incendio, per la ricerca di sostanze organiche volatili (SOV) e aldeidi. Si è riscontrata una significativa concentrazione di benzene, pari a 1420 microgrammi per metro cubo, superiore al limite di concentrazione media annuale del benzene pari a 5 microgrammi per metro cubo, dettato dal decreto legislativo 155/10.

Sul sito web Arpac, in un’apposita pagina, sono stati poi pubblicati i risultati del monitoraggio della qualità dell’aria condotto, a partire dal giorno stesso dell’incendio, con un laboratorio mobile collocato nei pressi del Municipio di Marcianise: i dati non mostrano, per i parametri monitorati, superamenti dei valori limite di concentrazione previsti dal decreto legislativo 155/2010, tranne che per il PM10 in data 29 ottobre a seguito dell’afflusso di polveri sahariane.

Una relazione più dettagliata, con tutti gli esiti delle indagini finora condotte da Arpac, è stata pubblicata oggi sul sito web dell’Agenzia. Nei prossimi giorni, infine, il monitoraggio ambientale sarà integrato con prelievi, nei terreni vicini al sito colpito dall’incendio, di campioni di top soil.

Documentazione

Relazione sintetica sulle attività svolte da Arpac in relazione all’Incendio c/o impianto di gestione rifiuti LEA s.r.l., sito in Marcianise, zona ASI SUD, del 26/10/18

Allegato 1: dati relativi all’impianto di gestione dei rifiuti LEA s.r.l.
Allegato 2: rapporto di prova n° 20180023906 C01 A1,A2
Allegato 3: rapporto di prova diossine n° 23938
Allegato 3 bis: rapporto di prova diossine n° 23985
Allegato 3 ter: rapporto di prova diossine n° 24068
Allegato 3: quater rapporto di prova diossine n°24078
Allegato 3: quinques rapporto di prova diossine n°24138
Allegato 4: relazione su condizioni meteo ambientali e primi dati qualità dell’aria

Incendi e citizen science

Scienza e cittadini insieme, in esperimenti di citizen science, per combattere il rischio di incendi. FireAware,  è la nuova applicazione per iOS che consente ai cittadini di effettuare segnalazioni in tempo reale e di raccogliere, in forma anonima, dati utili per un’analisi statistica degli incendi nella regione Puglia e su tutto il territorio italiano. Invece “Italia a fuoco” è un progetto non profit, organizzato interamente da volontari, nato per condividere informazioni utili e verificate sugli incendi che ogni estate affliggono l’Italia.

Continua a leggere Incendi e citizen science

Incendio a San Vitaliano, l’intervento dell’Arpa Campania

A inizio luglio Arpa Campania ha seguito gli effetti dell’incendio a un sito di trattamento di rifiuti a San Vitaliano (Napoli). Collocati due laboratori mobili, campagna di prelievi di top soil. Continua a leggere Incendio a San Vitaliano, l’intervento dell’Arpa Campania

Prevenire gli incendi in impianti di trattamento rifiuti è possibile?

Negli ultimi 3 anni in Piemonte si sono verificati circa 30 incendi in impianti di trattamento di rifiuti su un totale nazionale di 270 concentrati per il 47,5% al nord: questi i dati emersi dal seminario Incendi in impianti di trattamento rifiuti. Legalità e pianificazione per la prevenzione che si è svolto a Torino lo scorso 27 giugno, organizzato da Regione Piemonte e Arpa Piemonte in collaborazione con l’Ordine degli ingegneri della provincia di Torino.

Continua a leggere Prevenire gli incendi in impianti di trattamento rifiuti è possibile?

Allerta incendi: cosa fa Arpacal

Gli incendi in Calabria, appiccati spesso da criminali, sono una criticità non solo per la devastazione del patrimonio naturale ma anche incidendo su ordine pubblico, protezione civile, emergenze sanitarie, criticità ambientali.

Continua a leggere Allerta incendi: cosa fa Arpacal

EVENTO – Incendi in impianti di trattamento rifiuti

Regione Piemonte, Arpa Piemonte in collaborazione con l’Ordine degli ingegneri della Provincia di Torino organizzano il seminario Incendi in impianti di trattamento rifiuti. Legalità e pianificazione per la prevenzione. L’incontro si terrà il prossimo 27 giugno a Torino presso il Museo A come Ambiente in corso Umbria 90 dalle ore 9.00 alle 17.00.

Continua a leggere EVENTO – Incendi in impianti di trattamento rifiuti

Analisi dei suoli: confronto tra valori di fondo e valori eventi

La conoscenza del contenuto di diossine, furani, policlorobifenili e idrocarburi policiclici aromatici nei suoli e la definizione di valori di riferimento da utilizzare per la valutazione degli impatti di incendi di impianti o depositi sono alcuni degli obiettivi dello studio di Arpa Veneto

Continua a leggere Analisi dei suoli: confronto tra valori di fondo e valori eventi

Emergenza incendi, le presentazioni del corso AssoArpa

Disponibili le presentazioni illustrate durante le due giornate formative organizzate da AssoArpa su come si affrontano le emergenze incendi, tenutesi a Milano il 22-23 maggio 2018. L’iniziativa ha fatto seguito ai precedenti appuntamenti e attività svolte da AssoArpa e dal Snpa in questo campo.

Continua a leggere Emergenza incendi, le presentazioni del corso AssoArpa

Emergenza incendi: giornate formative AssoArpa

Il 22-23 maggio 2018  a Palazzo Pirelli, via Fabio Filzi, Milano, AssoArpa organizza due giornate formative sul tema di come si affrontano le emergenze incendi. L’iniziativa fa seguito ai precedenti appuntamenti e attività svolte da AssoArpa e dal Snpa in questo campo.

Continua a leggere Emergenza incendi: giornate formative AssoArpa

2017 anno critico per gli incendi in Campania

ANSA/ CIRO FUSCO

Nel 2017 la Campania è al terzo posto, tra le regioni italiane, per superficie boschiva distrutta dal fuoco. A luglio le foto del Vesuvio in fiamme hanno fatto il giro del mondo. Continua a leggere 2017 anno critico per gli incendi in Campania

Incendi e rifiuti in Italia, la relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta

Quello degli incendi negli impianti di rifiuti è un fenomeno balzato all’attenzione pubblica soprattutto nel 2017 dopo l’evento di Pomezia. In realtà sono stati oltre 250 nell’ultimo triennio, censiti dalla Commissione d’inchiesta sulla base delle segnalazioni ricevute dalle Arpa/Appa. Continua a leggere Incendi e rifiuti in Italia, la relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta

Linee guida per il controllo, formazione e comunicazione: l’azione di Arpae per le emergenze incendi

Nel 2017 Arpae è stata chiamata in 64 diversi casi di incendio per un totale di 155 interventi. Per affrontare gli interventi del proprio personale in caso di incendi Arpae si è dotata di Linee guida specifiche e ha organizzato un corso di formazione sulle procedure di controllo, campionamento e analisi sul campo. La  comunicazione verso l’esterno ha riguardato in particolare episodi ricorrenti o incendi di particolare impatto visivo.  

Continua a leggere Linee guida per il controllo, formazione e comunicazione: l’azione di Arpae per le emergenze incendi

Incendi di attività industriali in Toscana nel 2017

Gli incendi ed il conseguente rilascio di sostanze in atmosfera costituiscono una delle tipologie di emergenze ambientali che implicano l’attivazione di ARPAT.

Continua a leggere Incendi di attività industriali in Toscana nel 2017

Emergenza incendi boschivi in Piemonte

In Piemonte il mese di ottobre 2017 è stato caratterizzato da condizioni meteorologiche che hanno determinato situazioni favorevoli per lo sviluppo e la successiva rapida propagazione degli incendi boschivi che hanno colpito la regione e in particolare le province di Torino e di Cuneo.

Continua a leggere Emergenza incendi boschivi in Piemonte

Incendio ad Alcamo (TP): modello di dispersione delle polveri per campionare le ricadute al suolo

L’articolo presenta il modello di dispersione delle polveri sospese totali per il campionamento delle ricadute al suolo, a seguito di incendio avvenuto in un deposito per il trattamento di rifiuti non pericolosi da raccolta differenziata e indifferenziata.

Continua a leggere Incendio ad Alcamo (TP): modello di dispersione delle polveri per campionare le ricadute al suolo