Il punto sul progetto Life Primes in Emilia-Romagna, prevenzione del rischio alluvioni e partecipazione

Piani civici di adattamento con azioni proposte dai cittadini per rispondere al cambiamento climatico, esercitazioni di protezione civile, evacuazioni e simulazioni: è la sperimentazione avviata dal progetto europeo Life Primes in Emilia-Romagna. Il 18 giugno, a Bologna, si è fatto il punto delle attività. Online l’anteprima del servizio in pubblicazione su Ecoscienza 2/2018. Continua >

EVENTI – Qualità dell’aria urbana: pianificazione e coinvolgimento dei cittadini

Venerdì 11 maggio 2018 a Bologna si svolge l’incontro “Qualità dell’aria urbana: pianificazione e coinvolgimento dei cittadini”, dedicato ai sistemi di controllo passivo dell’inquinamento urbano e di monitoraggio partecipato; saranno presentati i risultati di due campagne di misura nel bolognese. Organizzazione a cura di Arpae con Università di Bologna, nell’ambito del progetto europeo iSCAPE. Continua > 

 

Un approccio integrato e partecipato per la gestione sostenibile dei corsi d’acqua

I fiumi sono gli assi dello sviluppo sostenibile nelle Alpi. La Dora Baltea in Valle d’Aosta è uno dei cinque casi studio del progetto Interreg SPARE (Strategic Planning for Alpine River Ecosystems) che ha come finalità l’armonizzazione tra utilizzo e conservazione della risorsa idrica.

Continua a leggere Un approccio integrato e partecipato per la gestione sostenibile dei corsi d’acqua

Arpae Emilia-Romagna, online il report sulle attese degli utenti

Il 1° gennaio 2016, in applicazione della legge regionale 13/2015, ha preso avvio operativo la nuova Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia (Arpae) dell’Emilia-Romagna. Per acquisire elementi di valutazione sulle attese che gli utenti istituzionali e i privati, l’Agenzie ha condotto un’indagine i cui risultati sono illustrati nel rapporto Le attese degli utenti nella fase di avvio di Arpae. Leggi il resto >

 

Che Arpae sarà?

 

Si è tenuto il 19 dicembre l’annuale incontro dei dipendenti dell’Agenzia ambientale dell’Emilia-Romagna: il ventesimo per Arpa, il primo per Arpae. L’attenzione e l’interesse per la novità su Arpae oggi. Arpae domani erano palpabili. Duecento persone, duecento colleghe e colleghi, hanno partecipato alla riflessione collettiva su questo primo anno di vita della nuova Agenzia.

Continua a leggere Che Arpae sarà?

“Buona mobilità” in Emilia-Romagna, al via processo partecipativo

er_pritt_iopartecipo300x

Migliorare il rapporto tra amministrazione e cittadini, raccogliere esperienze e punti di vista, recepire percezioni e indicazioni sui temi generali della mobilità e dei trasporti in Emilia-Romagna, trarre orientamenti per definire meglio il nuovo Piano regionale dei trasporti, in termini di visione culturale e priorità di intervento: sono questi gli obiettivi del processo partecipativo avviato dalla Regione Emilia-Romagna dal titolo Buona mobilità: verso il PRIT 2025. Leggi il resto >

Per le scelte di siting non basta il dibattito pubblico

es_nucleare_partecipazione_300x

Il tema della localizzazione di un impianto di stoccaggio di rifiuti radioattivi mette nuovamente in evidenza la necessità di arrivare a una scelta collettiva condivisa con la società. Il dibattito pubblico, introdotto sul modello francese, è una buona opportunità, ma servono scelte che lo rendano efficace e incisivo. Continua a leggere Per le scelte di siting non basta il dibattito pubblico

Conflitti ambientali, partecipazione e comunicazione

conflitti

Sempre di più si verificano conflitti ambientali in relazione alla realizzazione di nuovi impianti (di gestione dei rifiuti, di produzione energetica (in particolare biomasse ecc.) e/o infrastrutture di mobilità. Situazioni analoghe si hanno anche per realtà già esistenti.

Continua a leggere Conflitti ambientali, partecipazione e comunicazione

A Ravenna i cittadini partecipano al monitoraggio dei cattivi odori

ER_odori_ravenna

Le segnalazioni periodiche di cattivi odori percepiti a Marina di Ravenna e a Porto Corsini hanno indotto Arpae a presentare una proposta che coinvolgesse anche i cittadini nella rilevazione di esalazioni odorigene. La prima fase del progetto, realizzato in accordo con il Comune, parte il 15 maggio.

Leggi il resto >