PM10: valore limite giornaliero per più di 35 giorni superato in 18 stazioni del Piemonte

Anche in Piemonte i livelli di inquinamento atmosferico sono critici. Il valore limite giornaliero per la protezione della salute umana del particolato PM10 è stato superato in 18 stazioni, circa il 35%. Le stazioni interessate sono in particolare quelle collocate nell’agglomerato torinese, le stazioni dei capoluoghi di provincia della zona centrale della regione e le stazioni di traffico. I capoluoghi di provincia con un numero di superamenti inferiore al valore limite sono Biella, Cuneo e Verbania. Leggi il resto

Qualità dell’aria critica in molte zone della Toscana

In molte aree della Toscana si sta registrando in questi giorni una situazione critica dal punto di vista della qualità dell’aria; l’indice di criticità per la qualità dell’aria (ICQA), cioè il contatore combinato tra il numero di giorni di superamento di PM10 rilevati e il numero di giorni con condizioni meteo favorevoli all’accumulo degli inquinanti, ha infatti raggiunto un valore tale da richiedere ai Comuni l’adozione di interventi contingibili e urgenti. Continua a leggere Qualità dell’aria critica in molte zone della Toscana

Situazione dell’aria in provincia di Bolzano

In Alto Adige la situazione PM10 non è drammatica come in altre città italiane. Dai rilevamenti giornalieri effettuati dalle stazioni di misura dislocate sul territorio altoatesino, risulta che nel periodo dal 01/12 al 12/12/2016 l’unica stazione di misura che ha segnato valori sopra la soglia giornaliera è stata Laces.

Continua a leggere Situazione dell’aria in provincia di Bolzano

In Veneto condizioni critiche per il PM10, l’informazione al pubblico

A causa delle condizioni meteorologiche stabili e con forti inversioni termiche, la situazione dell’inquinamento dell’aria nelle zone pianeggianti del Veneto, come nel resto della pianura padana, è critica. Almeno fino al 15 dicembre persisterà l’alta pressione con tempo stabile. Non sono quindi previste precipitazioni tali da favorire una significativa riduzione delle concentrazioni di polveri sottili.

Continua a leggere In Veneto condizioni critiche per il PM10, l’informazione al pubblico

Toscana: Piano regionale per la qualità dell’aria

In corso in Toscana il procedimento per il nuovo Piano regionale per la qualità dell’aria che, tra i vari aspetti, si propone di coordinare, monitorare e supportare l’attuazione dei Piani di Azione Comunale, dove sono previsti gli interventi strutturali nonché quelli contingibili urgenti che i Comuni devono adottare in base al nuovo Indice di criticità per la qualità dell’aria. Continua a leggere Toscana: Piano regionale per la qualità dell’aria

La relazione annuale sullo stato della qualità dell’aria in Sicilia e la revisione dell’inventario delle emissioni

arpa-sicilia

E’ on line, e scaricabile da questa pagina, il documento Relazione annuale sullo stato della qualità dell’aria nella regione Sicilia anno 2015 e la revisione dell’inventario delle emissioni per gli anni 2005-2007-2012 con i relativi allegati. Vai alla relazione e agli allegati >

Bacino padano e qualità dell’aria

image
A Ecomondo, si è svolto un convegno per fare il punto sulle misure messe in campo dalle regioni e sulle iniziative future riguardo alla qualità dell’aria. Presente, insieme ai rappresentanti di enti e istituzioni del bacino padano, anche la Provincia autonoma di Trento.

Continua a leggere Bacino padano e qualità dell’aria

Uso della legna come combustibile e qualità dell’aria

legna-2

L’uso della legna come combustibile provoca un aumento delle emissioni di polveri sottili e delle concentrazioni di composti, come  gli idrocarburi policiclici aromatici e il carbonio, rilevabili sulla parte più fine del particolato. Arpa Veneto ha pubblicato un nuovo opuscolo informativo con informazioni sull’uso sostenibile di stufe e caminetti. L’uso della legna come combustibile è anche oggetto della convenzione stipulata tra l’Agenzia e il Comune di Verona che prevede il monitoraggio della qualità dell’aria nel periodo invernale

Continua a leggere Uso della legna come combustibile e qualità dell’aria

Molestie da camini e caminetti: cosa possiamo fare?

26ott2016_canne_fumarie

L’autunno è la stagione nella quale iniziamo a riscaldare le nostre case aumentando le emissioni di inquinanti in atmosfera. Alle volte queste emissioni, oltre a peggiorare la qualità dell’aria, producono disagio e fastidio nelle case dei nostri vicini.  Arpa Fvg ha predisposto una breve linea guida  con l’intento di guidare le persone alla scelta migliore per risolvere questi problemi. Leggi il resto >

Tutela della qualità dell’aria: nuova norma in Toscana

image

Una recente Delibera di Giunta regionale della Toscana aggiorna le linee guida regionali per la messa a punto, da parte dei Comuni, dei Piani di Azione Comunale per il risanamento della qualità dell’aria e dall’altra viene definito il sistema di calcolo in base al quale vengono individuate le situazioni critiche caratterizzate da concentrazioni di PM10 superiori alla soglia di 50 µg/m3, oltre la quale è ipotizzabile l’intervento di natura contingibile e urgente a cura dei Sindaci dei Comuni delle aree critiche. Leggi il resto >

Arpa Puglia e la qualità dell’aria

screenshot-www-arpa-puglia

Arpa Puglia monitora la qualità dell’aria attraverso molteplici strumenti.
Alla Rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria, costituita da
53 stazioni, se ne affiancano altre di valenza locale. Tutte sono dotate di
analizzatori automatici per la rilevazione in continuo degli inquinanti
normati dal Dlgs 155/10: PM10, PM2.5, NOx, O3, benzene, CO, SO2.

Continua a leggere Arpa Puglia e la qualità dell’aria

Restyling bollettino giornaliero qualità dell’aria, Appa Trento

bollettino

Da qualche settimana Appa Trento ha portato a compimento il restyling del comunicato giornaliero di qualità dell’aria sul proprio portale.

Oltre all’aggiornata e attualizzata veste grafica, sono state aggiunte alcune nuove e interessanti funzionalità come la visualizzazione grafica degli andamenti degli inquinanti dell’ultimo mese e la possibilità di estrarre liberamente i dati degli ultimi tre mesi. Vai al link:

I dati dell’aria in Liguria

arpal_sp1_21

I dati di qualità dell’aria hanno limiti variabili dai valori orari a quelli annuali, e si riferiscono ad alcune sostanze normate. La Liguria pubblica tutti i dati disponibili sul portale www.ambienteinliguria.it, riportando il grado di validazione del dato. Sul sito Arpal, inoltre, è presente un’intera sezione di ulteriore approfondimento sulla realtà in provincia della Spezia, con tutti i dettagli delle campagne effettuate con i mezzi mobili.

Ambienteinliguria è il portale della Regione Liguria dedicato ai temi dell’ambiente e del territorio.

Il tema della qualità dell’aria è uno dei più consultati: la banca dati regionale del monitoraggio della qualità dell’aria raccoglie i valori provenienti dai centri operativi provinciali (COP), rilevati dalle postazioni di misura delle reti distribuite sul territorio regionale.

Ogni utente può recuperare i dati di qualità dell’aria e gli indicatori statistici giornalieri degli ultimi 5 anni per gli inquinanti “normati”, cioè con valori di riferimento definiti per legge ai fini della “valutazione annuale della qualità dell’aria ambiente”.

La consultazione dei dati può avvenire con due funzionalità distinte:

  • la prima consente la consultazione a video e l’esportazione su file dei dati elementari validi, che possono essere, a seconda degli inquinanti e degli analizzatori, orari o giornalieri.
  • la seconda funzionalità permette di consultare gli indicatori statistici giornalieri di qualità dell’aria.

I dati rilevati, essendo prevalentemente acquisiti in automatico dagli strumenti, non sempre sono pienamente attendibili; accanto al numero, è indicato il grado di validazione.

Prima della restituzione dei dati è possibile scegliere se estrarre i dati di tutte le postazioni di misura regionali oppure delle sole postazioni valide per la valutazione regionale della qualità dell’aria (ovvero quelle conformi alla normativa per numero sufficiente di dati necessari per valutare il rispetto dei valori limite).

Per entrambe le funzionalità, in dipendenza dalle selezioni geografiche effettuate, è possibile visualizzare su mappa l’ubicazione delle postazione di misura.

Quale ulteriore approfondimento, sul sito di Arpal, è presente una sezione di dettaglio per i dati misurati e le campagne periodiche effettuate in provincia della Spezia.

Emilia-Romagna, dal primo ottobre riprendono gli stop al traffico

er_aria_qualita300

In Emilia-Romagna dal 1 ottobre 2016 al 31 marzo 2017 riprendono i provvedimenti e le limitazioni alla circolazione previste dal Pair, il Piano aria integrato regionale 2020. Sono molteplici i prodotti che assicurano una puntuale informazione sulla qualità dell’aria in regione, da Liberiamolaria alle mappe di previsione, alla situazione giornaliera riassuntiva regionale e per provincia. Continua a leggere Emilia-Romagna, dal primo ottobre riprendono gli stop al traffico

Appa Bolzano: nuova pagina web per il monitoraggio della qualità dell’aria

appabolzano-dati-qualita-aria-2

È online la nuova pagina web “Situazione dell’aria” in Alto Adige. I dati dei principali inquinanti: NO2, O3, PM10 e PM2,5 sono riportati in tempo reale e, grazie al cosiddetto design “responsive”, sono consultabili velocemente e agevolmente anche con smartphone e tablet. È disponibile anche l’informazione sui superamenti, con riferimento sia ai limiti imposti dalla normativa comunitaria, che alle linee guida per la qualità dell’aria di Oms. In tempo reale anche i dati sulla radioattivitàLink al sito >