Arpa Lazio spiega le schiume in mare sui social

Arpa Lazio cerca di spiegare in modo sintetico ed efficace con l’utilizzo della grafica e dei social, un fenomeno ricorrente durante l’estate: la formazione delle schiume in mare.

Continua a leggere Arpa Lazio spiega le schiume in mare sui social

Le presentazioni dei relatori del PA social day sull’ambiente

Il 6 giugno nell’ambito del PA Social day, tenutosi in 17 città italiane, a Firenze si è svolto quello intitolato “Verso la nuova comunicazione ambientale”. Le presentazioni dei relatori.

Continua a leggere Le presentazioni dei relatori del PA social day sull’ambiente

PA Social day, il video dell’incontro “Verso la nuova comunicazione ambientale”

Il video con la registrazione di tutta la mattinata dell’incontro nell’ambito del PA Social day che si è tenuto a Firenze “Verso la nuova comunicazione ambientale”, a cui ha contribuito attivamente la Rete “Comunicazione e informazione” Snpa (dal minuto 1h10’14”).

Continua a leggere PA Social day, il video dell’incontro “Verso la nuova comunicazione ambientale”

Verso la nuova comunicazione ambientale

Il programma dell’evento organizzato a Firenze il 6 giugno da PA Social, in collaborazione con la Rete Comunicazione e informazione Snpa, nell’ambito del PA social day, che vedrà iniziative in 17 città italiane.

Continua a leggere Verso la nuova comunicazione ambientale

Per una nuova comunicazione: intervista al presidente di PA Social

Francesco Di CostanzoVerso il #pasocial day del 6 giugno, a cui la Rete Comunicazione e informazione Snpa partecipa, abbiamo intervistato Francesco Di Costanzo,  presidente della associazione nazionale per la nuova comunicazione “PA Social”, soffermandoci sui principali temi all’ordine del giorno nel campo della comunicazione e chiedendogli, da attento osservatore esterno, quali aspettative ha nei confronti del Snpa.

Continua a leggere Per una nuova comunicazione: intervista al presidente di PA Social

EVENTI – 6 giugno: #pasocial day

Pa social dayLa Rete ‘Comunicazione e informazione’ Snpa prende parte al #pasocial day del 6 giugno, che vedrà iniziative in 17 città italiane: Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Catania, Cosenza, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Perugia, Pescara, Roma, Torino e Trieste.

In particolare collabora alla organizzazione dell’evento che si terrà a Firenze su: “Verso una nuova comunicazione ambientale“, ma interverrà anche a quello di Torino portando un contributo sulla comunicazione nelle emergenze ambientali, e sarà presente a tutti gli altri. In particolare all’iniziativa di Firenze sarà presentata l’esperienza della Rete per integrare la comunicazione delle agenzie ambientali e di Ispra nel SNPA (AmbienteInforma, @snpambiente, ecc.) e sarà portata la testimonianza di Arpae Emilia Romagna sull’uso del social advertising per la campagna sulla qualità dell’aria.

Il prossimo mercoledì 6 giugno si terrà, infatti, in tutta Italia e, per la prima volta nel nostro Paese, il PA Social Day. Sarà una giornata dedicata a tanti temi, obiettivi, proposte, confronto, scambio di buone pratiche.

In ogni regione si terrà un convegno #pasocial, aperto alla partecipazione di tutti, in cui sarà affrontato e approfondito un tema specifico legato alla nuova comunicazione, tutti gli eventi saranno in contemporanea e in diretta web e social (dalle 9.30 alle 13.30). Mettete l’evento in agenda, vi aspettiamo!

PA Social è la prima associazione italiana dedicata allo sviluppo della nuova comunicazione, quella portata avanti attraverso social network, chat, tutti gli strumenti innovativi. Si occupa di divulgazione, formazione, pubblicazioni, ricerche ed è la prima rete a livello mondiale dedicata alla nuova comunicazione con la partecipazione di numerosi professionisti, amministratori, manager, enti e aziende pubbliche, associazioni e imprese.

Nel numero di AmbienteInforma che uscirà lunedì 14 maggio, pubblicheremo una intervista al Presidente dell’Associazione, Francesco Di Costanzo, nella quale ci soffermeremo sui principali temi all’ordine del giorno nel campo della comunicazione e chiederemo a lui, attento osservatore esterno, quali aspettative ha nei confronti del Snpa.

Per maggiori informazioni: https://www.pasocial.info/pasocial-day-2018/

La trasformazione “social” di Arpa Calabria

Arpa Calabria racconta in poche righe il passaggio da bersaglio designato ad attore del dialogo partecipato grazie all’uso attivo nei propri canali social.

 

Continua a leggere La trasformazione “social” di Arpa Calabria

Anche le Agenzie ambientali comunicano sui social media

I social media sono ormai diventati uno strumento indispensabile per la comunicazione. Sono utilizzati dai cittadini, dalle istituzioni, dalle aziende, dagli istituti di ricerca, dai media. Per molti sono diventati la prima fonte di informazioni, sicuramente la più tempestiva. Anche le agenzie ambientali, da qualche anno hanno iniziato ad utilizzarli per diffondere dati e notizie sull’ambiente e sulle loro attività ed anche per dialogare con il pubblico.

E’ il caso di Arpa Toscana che, ormai da alcuni anni, ha sviluppato un forte impegno nell’attività di comunicazione e informazione ambientale e, naturalmente, con una particolare attenzione anche alla presenza sui social media, che ormai sono diventati il principale luogo virtuale globale di informazione e partecipazione.

L’Agenzia infatti assicura ormai da alcuni anni la presenza dei propri contenuti ed interagisce con chi è interessato ad essi attraverso vari social: per la diffusione di dati e notizie (Twitter), immagini (Flickr), video (YouTube) e documenti (Issuu), e, dal 2015, anche su Facebook.

Recentemente è stata adottata, coordinandosi a livello di Sistema mazionale per la protezione dell’ambiente, la social media policy.

Su un recente numero Arpatnews ha presentato alcuni dati statistici rilevati sull’attività svolta da ARPAT su due di questi canali, maggiormente utilizzati per la diffusione di notizie ambientali: Twitter e Facebook. Vai all’articolo >

@SNPAmbiente nasce oggi

Essere sui social oggi è indispensabile, innanzitutto perché bisogna essere dove c’è il cittadino, e poi perché la comunicazione deve saper cogliere le opportunità che i nuovi canali offrono. McLuhan, uno dei padri della comunicazione, già nel 1964 diceva che il mezzo è anche il messaggio. E se vogliamo far arrivare i messaggi dobbiamo usare i mezzi a disposizione senza subirli, ma essere presenti come fonti attendibili e autorevoli dell’informazione ambientale.

Il nome del canale Twitter è stata la prima scelta importante. Da un lato c’era la necessità di far conoscere l’acronimo Snpa, dall’altra far capire nell’immediatezza il tema portante dei nostri messaggi: l’Ambiente. Con la A maiuscola per l’importanza che esso ha, non solo per il nostro lavoro come Agenzie, che hanno nella tutela ambientale il primo obiettivo, ma per la vita stessa: nostra come cittadini e del Pianeta che ci ospita.

Quali contenuti inserire nel nuovo canale @SNPAmbiente? La maggior parte delle Arpa e Ispra hanno un loro canale su Twitter dove quotidianamente fanno confluire le attività, i dati, gli approfondimenti. Il canale del Sistema deve e vuole essere qualcosa di diverso, complementare a quelli delle singole realtà. I messaggi che vengono postati richiamano gli articoli della newsletter AmbienteInforma, gli eventi, le emergenze e le attività che hanno una rilevanza nazionale e tutto quanto riguarda l’Snpa come sistema e cooperazione di tutte le Agenzie.

Dietro a tutto questo c’è un gruppo di lavoro di sette comunicatori, di sette Agenzie diverse (Arpa e Ispra) che, forti delle esperienze fatte, dopo aver condiviso la formazione necessaria e la policy interna per porre le basi del nuovo canale, sono arrivati a una gestione condivisa, operando con turni settimanali per presidiare costantemente @SNPAmbiente. Una scelta a volte onerosa in termini lavorativi, ma che ha portato in un anno buoni risultati. Primo tra tutti far arrivare l’hashtag #rapportoambiente tra quelli di tendenza il 20 marzo scorso, giorno della presentazione del primo Rapporto Ambiente dell’Snpa.

Qualche numero da marzo 2017 a marzo 2018

Panoramica
Visualizzazioni mensili

Tweet più visti:

  1. 20/03/2018 – Volumi del Rapporto ambiente visibili su ISSUU
    15.400 visualizzazioni, 60 like, 62 RT, 87 click sul link
  2. 15/05/2017 – AmbienteInforma dedicato alle emergenze ambientali
    9.900 visualizzazioni, 25 like, 33 RT, 51 click sul link
  3. 02/03/2017 – Inizio attività per il canale twitter Snpa
    9.100 visualizzazioni, 34 like, 44 RT, (non c’era link su cui cliccare)

Il percorso è ancora lungo. Arrivare a far conoscere Snpa a tutti i cittadini, e non solo a chi collabora con il Sistema, è un traguardo ambizioso e importante. Arrivare a far diventare il canale twitter Snpa una delle fonti più autorevoli per l’ambiente è fondamentale per far sì che chiunque, dai cittadini ai media, voglia conoscere i dati aggiornati su aria, acqua, suolo e tutte le componenti trovi nel Sistema le prime scelte delle ricerche ambientali perché credibili nei contenuti e tempestive nella disponibilità delle informazioni.

 

Social media e comunicazione d’emergenza

socialprociv_300x

Nel 2015 si è svolta a Sendai, sotto l’egida dell’Onu, la World Conference on Disaster Risk Reduction e per la prima volta i Governi hanno inserito i social media tra gli strumenti di gestione degli eventi causati da calamità naturali. Il progetto #socialProCiv del Dipartimento nazionale di protezione civile. Continua a leggere Social media e comunicazione d’emergenza

Verso una comunicazione integrata e di sistema

pacciani

La comunicazione ai tempi dei social network, o meglio, la comunicazione di sistema nell’era dei social. Questioni da risolvere, pregi e difetti dell’utilizzo dei social network particolarmente in situazioni di emergenza ambientale…”   L’intervento di Cristina Pacciani (responsabile Ufficio Stampa Ispra) al seminario di Bologna del 29 settembre 2016 Comunicare l’ambiente all’epoca della conversazione sociale.

Continua a leggere Verso una comunicazione integrata e di sistema

MICRON – Scienza, i social network ci informano davvero?

img_0076

In un recente studio dell’IMT Alti Studi di Lucca, il CSS Lab ha dimostrato come informazioni scientifiche e teorie complottiste si diffondono su Facebook attraverso identiche modalità di condivisione dei contenuti. Vai all’articolo >